L’Appennino perduto

Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna.
(Walter Bonatti)

Questa area compresa tra il Fluviale e il Tronto è composta prevalentemente da boschi e alture modeste, (la cima più alta è quella del Monte Ceresa con i suoi 1494 m), acque, costoni d’arenaria, strade brecciate e borghi semi abbandonati.
Il Cai di Ascoli Piceno ha definito questa zona come Appennino Perduto, un nome che sintetizza un luogo destinato a scomparire.

È un’area piena di fascino, di magia. Attraversare questi sentieri, camminare e respirare l’aria è un po come immergersi nella vita che era di questo luogo, un po come essere trasportati indietro nel tempo.

Il borgo oramai disabitato di Tallacano, vista dall’alto e alcuni particolari

L’escursione di oggi parte proprio da Tallacano. Questo piccolo borgo, chiuso dal terremoto del 2016, non visitabile tra le sue vie e case, ma dall’alto la sua struttura addossata alla roccia, lascia intravedere l’ingegnosità degli abitanti del luogo. Palazzi gentilizi scomparsi a causa del terremoto così ricchi di storia e architettura tipica di una zona che forse tra qualche anno non ci potrà più raccontare nulla. L’Appennino perduto, un nome che lascia molto spazio all’immaginazione, almeno fino a quando non ti immergi tra i paesini fantasma e ti rendi conto delle difficoltà a vivere in certi luoghi e a quanto ingegno ha l’uomo per adattarsi a quello che la natura possa offrire.

Da Tallacano a Poggio Rocchetta
Alcuni scorci di Poggio Rocchetta

Entriamo nel borgo, composto da pochissime case, di Poggio Rocchetta. La nostra meta è La Grotta del Petrienno.

Attraversiamo il paese e seguiamo il sentiero segnalato. Una giornata soleggiata ci fa godere ancor di più la bellezza dei colori di questi boschi. Bisogna fare molta attenzione al terreno a volte scivoloso a causa dell’acqua.

Durante il cammino il rumore dell’acqua che scorre da una piacevole sensazione di benessere e pace.

Queste rocce bagnate, con il sole creano un effetto simile a uno specchio
Durante il cammino si può notare come la roccia sia stata utilizzata dagli abitanti per costruire bivacchi. Aggiungendo all’elemento naturale rami, tronchi di alberi e sassi spaccati. Ora ne vediamo i resti
Una delle cascate che si incontrano prima di raggiungere la grotta

Visibile solo quando si giunge a destinazione perché nascosta dalla vegetazione, la grotta del Petrienno è di grandi dimensioni. Visibili i resti di costruzioni in pietra a secco di nove unità abitative destinate a nuclei familiari di Poggio Rocchetta e Rocchetta per la bella stagione.

Grotta del Petrienno

Durante la seconda guerra mondiale è stata rifugio sicuro per soldati americani ricercati dai tedeschi; gli stessi hanno lasciato scritte sulla roccia a testimonianza del loro passaggio

Le scritte dei soldati americani durante la seconda guerra mondiale

Trovo questo luogo assolutamente affascinante, sia per la storia che ha da raccontare,che per la trasformazione che ha subito per mano dell’uomo e degli agenti atmosferici.

Attraversare l’Appenino perduto ha il suo fascino, le foto non possono rendere giustizia alla sua bellezza, bisogna scoprirlo con i propri occhi e viverlo con la propria anima❤

La montagna ci offre la cornice … tocca a noi inventare la storia che va con essa!
(Nicolas Helmbacher)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close